Archivia Novembre 29, 2012

Comitato regionale: si vota

ROMA – Carmelo Anania
•    Mauro Borrelli
•    Giuliano D’Ambrosio
•    Gianluigi de Vito
•    Fabio Di Giovanantonio
•    Giancarlo Fontana
•    Bruno Formicola
•    Emanuele Lusi
•    Fabio Mazzetti
•    Giulio Paganelli
•    Fabrizio Piermarioli
•    Emanuela Sessa
•    Alessandro Telli
•    Flavio Vasoli con due candidati presidenti: Marco Santa Maria, uscente e Claudio Liberatore, attuale presidente del Torvaianica Rugby. Questi i candidati per  le elezioni per il rinnovo dei consiglieri e del presidente del comitato regionale laziale che si svolgeranno il 1 dicembre. L’augurio della nostra società che coloro che faranno parte del consiglio siano vicini alle società tutte per lo sviluppo del rugby.

Cristina Tonna bacchetta Campese

”Date alle donne occasioni adeguate e loro potranno far tutto”: si rifa’ ad Oscar Wilde, Cristina Tonna, manager dell’Italrugby femminile, nel commentare l’autogol dell’ex nazionale di rugby David Campese, che ha criticato la scelta del ‘Sydney Morning Herald’ di sostituire il decano Greg Growden, in pensione, con una donna, Georgina Robinson, che dovra’ scrivere di rugby. ”Prima di esprimere giudizi – aggiunge – vanno valutate le capacita’ delle persone, che non dipendono dal sesso”.

Cena di Natale: prenotatevi

Fervono i preparativi per organizzare la cena di fine anno,  i vari consiglieri sgunzagliati  nel cercare di trovare situazioni consoni hanno optato per il Ristorante Planet Ripoli. Infatti il 21 dicembre si svolgerà alle ore 20 la classica cena natalizia che la nostra società vuol trasformare in un momento di gioia e serenità. Il costo della cena, ricca e succulenta, è di euro 20 per gli adulti e euro 15 per i bambini (fino a 12 anni). Chiaramente bisogna prenotarsi e lo potete fare contattando : Francesco Deodati (36658700985), Nicola Cipri (3403704251), Piergiorgio Monaco(335310342). Prenotazione obbligatoria con un acconto di euro 10 a persona entro martedì 4 dicembre.

La Tivoli Rugby all’Olimpico: una giornata di festa

Tra i 75mila dell’Olimpico che hanno assistito alla partita di rugby tra l’Italia e la Nuova Zelanda anche una folta delegazione della Tivoli Rugby capitanata dal presidente Maurizio Piervenanzi. Quella di sabato è stata una giornata di sport dai mille colori e dai mille significati. Splendida l’atmosfera, ancora di più il colpo d’occhio. Per tanti bambini tiburtini è stata la prima volta all’Olimpico di Roma e di certo si tratta di un’emozione che resterà dentro di loro per tutta la vita. I più fortunati dell’Under 14 sono riusciti anche a fare un giro d’onore ai bordi del campo con la bandiera consegnata dalla Federazione che è stata impeccabile nell’organizzazione dell’evento. Inoltre le quattro bambine iscritte alla Tivoli Rugby hanno disputato una partita sul prato dell’Olimpico tra il primo ed il secondo tempo della sfida dirette da Cristina Tonna che è anche nello staff tecnico della Tivoli Rugby. Momenti speciali, accompagnati dalla voce dello speaker dell’Olimpico che ha nominato la società tiburtina. I sessanta tiburtini sono partiti dal campo “Roccabruna” di Villa Adriana alle 11 e sono arrivati allo Stadio Olimpico un’ora dopo. Dopo un veloce pranzo la comitiva si è unita all’altro gruppo di una ventina di persone che si è spostato con i propri mezzi ed è entrata subito nell’atmosfera della gara. Pieno di bambini e genitori il prato dello Stadio dei Marmi, adiacente l’Olimpico, dove facevano ancora bella mostra i pali da rugby utilizzati per l’allenamento dell’Italia di tre settimane prima. Gli All Blacks hanno mostrato la loro forza soprattutto negli ultimi dieci minuti, vincendo l’incontro 42-10, ma l’Italia ha fatto vedere enormi passi in avanti durante la partita. Un boato ha accolto la meta di Alberto Sgarbi al 27’. Al ritorno felicità per tutti con il presidente Maurizio Piervenanzi in prima fila: “E’ stata una bella giornata – il suo commento finale -. Momenti come questi sono la testimonianza della crescita fatta dalla Tivoli Rugby in questi anni. Ma non dobbiamo fermarci, la strada è ancora molto lunga. Puntiamo a diventare ancora più importanti a livello regionale”.