Under 16…però che tempra

Under 16…però che tempra

Achilli festeggiatoE’ andata male alla Tivoli Rugby che non è riuscita nell’impresa di vincere l’ultima sfida della Coppa Lazio contro la Cus Roma e si è dovuta accontentare del secondo posto nella competizione. La sfida decisiva è andata in scena al “Rocca Bruna” di Villa Adriana davanti a circa 200 spettatori. I romani si sono imposti 17-12 con i tiburtini che fino all’ultimo hanno cercato la meta di una vittoria prestigiosa anche se per ottenere il primato nella Coppa Lazio, categoria Under 16, era necessario conseguire un successo con sette punti di scarto.
“Ha vinto la squadra più esperta – il commento dell’allenatore Massimiliano Achilli -. Noi siamo andati a un passo dalla vittoria, sono molto soddisfatto della crescita dei miei ragazzi. Da segnalare che nell’ultima partita ha fatto il suo esordio un altro ragazzo, Alessio D’Antimi, con quattro placcaggi efficaci. Il bilancio è sicuramente positivo. Un ragazzo che merita un elogio in particolare? Eccolo: il capitano Mirko Panci, terza linea, capace di tenere unita la squadra nei momenti difficili e in campo aggressivo al punto giusto”.
Il lavoro di Achilli è stato premiato dalla società e nella prossima stagione allenerà l’Under 18.
“Anche quest’anno ci siamo presi le nostre soddisfazioni – il bilancio del presidente Maurizio Piervenanzi -. Continuiamo a vedere giovani che crescono e che si avvicinano al nostro mondo. Stiamo lavorando per formare anche due squadre in rosa grazie al lavoro dell’allenatrice Cristina Tonna che sta riuscendo in tutti gli obiettivi. Ci siamo fatti conoscere alla città grazie all’opportunità concessa dalla Css Tivoli di poter giocare al Campo Ripoli e abbiamo ricevuto molti attestati di stima. Adesso guardiamo al futuro, abbiamo avviato contatti per prendere possesso del Campo C dietro il terreno da gioco dell’Arci”.
Infine una battuta sulla presidenza: “A luglio scade il mio mandato – conclude Piervenanzi -. Ci metteremo intorno a un tavolino e decideremo. Fare il presidente è un impegno duro”. Non tutti, però, aggiungiamo noi, hanno le qualità per farlo. Maurizio Piervenanzi ha dimostrato di avere le carte in regola e sicuramente il padre Lino, dall’alto, aiuterà il figlio a vincere le prossime battaglie.

AdminTivoliRugby2013

I commenti sono chiusi